Andiamo a bere una birra in Belgio

Un paio di settimane fa sono venuti a trovarmi i miei genitori ed é stato bello essere coccolata da mamma a papá anche solo se per poco. Abbiamo trascorso qualche giorno in una meravigliosa e soleggiata (!) Amsterdam passeggiando e raccontandocela un po’ e poi abbiamo deciso di affittare una macchina e fare una gita in Belgio per il weekend.

anversa

Dopo aver attraversato la piatta campagna olandese, i cui prati e mulini sono ben rappresentati nei dipinti dei maestri fiamminghi, siamo entrati in Belgio e la prima tappa del nostro viaggio è stata Anversa. La città, che è stata la casa del pittore Rubens per più di 10 anni, oggi è un luogo sofisticato e amato dagli hipster, che ha una sua (seppur piccola) voce in capitolo in ambito di moda e design. Il centro è piccolo e perfetto per essere girato a piedi e ospita quella che a mio avviso è una delle cattedrali più belle del Nord Europa: Onze Lieve Vrouwekathedraal (che in olandese significa “la cattedrale di nostra Signora”). Se vi ho incuriosito, date un’occhiata a quest’altro post che ho scritto proprio su Anversa!

Piazza principale di Anversa - Belgio

Piazza principale di Anversa – Belgio © Sg

Continua a leggere

Route 66 e molto altro: il mio roadtrip in America

Finora il viaggio più bello che abbia fatto. Quello che consiglio sempre, Quello a cui ripenso nei giorni di pioggia. Quello che mi ha riempito gli occhi, il cuore e il cervello. Quello che è stato perfetto pur con mille imprevisti e cambi di programma. Due estati fa io e il mio ragazzo abbiamo deciso di ripercorrere la mitica Route 66 negli Stati Uniti: la strada interstatale che collegava Chicago a Los Angeles e che migliaia di americani hanno utilizzato il secolo scorso per migrare e per cercare un destino migliore.

Tramonto a Venice, Los Angeles

Tramonto a Venice, Los Angeles © Sg

L’idea del viaggio è nata sia dal desiderio di scoprire questo meraviglioso paese via strada sia dalle emozioni provate leggendo il libro “Furore”, il capolavoro del premio Nobel per la letteratura John Steinbeck,  che racconta la storia di una famiglia costretta a scappare dall’Oklahoma che provò non senza difficoltà a raggiungere la California tramite appunto la Route 66.

Continua a leggere

Cuba ti entra nel cuore

Qualche tempo fa sono stata a Cuba e da allora ogni volta che ricordo quel viaggio sento ondate di dolce malinconia che invadono il mio cuore.

Ripenso al tempo passato sul Malecon a guardare il mare infrangersi contro gli scogli, ripenso alla sofferenza, all’energia e agli sguardi profondi delle persone che ho conosciuto, ripenso alla povertà ma al contempo alla dignità che ho intravisto, ripenso alle decine di ore passate in pullman con i paesaggi che scorrevano come in un film, ripenso alla musica, alla salsa, al profumo della menta nel mojito, alla luce calda del sole, al mare meravigliosamente azzurro, alla vegetazione cosií forte e prorompente.

Cayo Largo, Cuba

Cayo Largo, Cuba © Sg

Me lo dicevano tutti quando sono partita: Cuba ti entra nel cuore. Ed è stato proprio così: sarà per il suo ritmo dolce, sarà per la sua natura così selvaggia e intrigante, sarà per le sue città decadenti, sarà per i dolori e le passioni di cui i cubani ti rendono partecipe, sarà per le loro storie così potenti. Forse si tratta di un insieme di tutte queste cose, non lo so. Ci si deve abbandonare a Cuba, la si deve vivere, ci si deve dedicare a lei e lei sola, farsi sedurre e conquistare.

Ecco una carrellata dei posti in cui ho trascorso tra le ore più incredibili della mia vita: La Havana, Cayo Largo, Santa Clara, Cinfuegos, Trinidad. Inutile dire che consiglio a tutti di andarci il prima possibile!

Continua a leggere