Giappone: racconto fotografico del mio viaggio a Tokyo e Kyoto

Qualche anno fa ho trascorso un Capodanno magico in un Paese che mi ha profondamente colpito: il Giappone. Paese modernissimo ma con un forte legame a tradizioni e rituali antichi, il Giappone mi ha avvolto e mi ha sconvolto e per la prima volta sono andata ad Est ma sentendomi come se fossi andata verso Ovest. Sorrisi composti ovunque e la sensazione che ci sia del mistero dietro ad ogni cosa, la bellezza e la perfezione nei gesti, l’emozione di assaggiare il sushi quello vero, la voglia segreta di non voler sapere cosa c’è dietro l’apparenza, la malinconia del jazz caldo e distaccato, la curiosità che stimola un posto che non ha eguali nel mondo, la solitudine vissuta nella moltitudine: il Giappone può essere questo e molto altro. Sono partita da Tokyo, dove ho passato giorni di follia in questa città che non dorme mai, per poi andare nelle Alpi giapponesi nella zona vicino a Takayama per godere di un po’ di relax negli onsen – i tradizionali bagni termali all’aperto così cari ai giapponesi – e ho terminato il mio giro nell’incantevole Kyoto, ricca di templi e con una tradizione di alta cucina strabiliante. Ecco una galleria fotografica dei ricordi più belli del mio viaggio in Giappone. 

Akihabara, quartiere tech di Tokyo @Sg

Akihabara, quartiere tech di Tokyo @Sg

Foresta Di bamboo a Kyoto @Sg

Foresta Di bamboo a Kyoto @Sg

Continua a leggere

Wicky’s Wicuisine Seafood a Milano: molto piú che cucina fusion

Mi é bastata una cena da Wicky’s per farlo entrare nella mia top 5 di ristoranti a Milano. Wicky’s ha un’idea innovativa di cucina (almeno per il panorama milanese), é capace di creare sapori complessi ma immediatamente piacevoli ed riesce a far fare al nostro palato il giro del mondo con un solo piatto. Lo chef Wicky Priyan é originario dello Sri Lanka e ha lavorato molti anni in Giappone imparando la grande tecnica e i segreti della cucina kaiseki e ha portato a Milano qualcosa di mai assaggiato prima.

Wicky’s é tecnica, é fantasia, é grandi materie prime, é…marinatura. Sí, perché dopo un menu degustazione da Wicky’s ho compreso che il pesce crudo non esprime tutto quello che puó senza una marinatura magistrale. Salse che paiono pozioni magiche in grado di dare il tocco e lo sprint perfetti a piatti che forse non sapevano di averne bisogno. Marinature che a volte sanno di Giappone con soia e yuzu, altre che sembrano venire dal sud-est asiatico a base di zenzero, lemongrass e coriandolo, altre ancora dal sapore mediterraneo con basilico, sale, olio d’oliva e pepe, oppure con tutti questi ingredienti e altri ancora messi insieme a creare qualcosa di unico.

Wicky's interno

Wicky’s interno @ wicuisine.it

Il locale si trova in pieno centro ed é costituito da due sale principali: la prima piú tradizionale e la seconda con tavoli e un tipico bancone alla giapponese per essere seguiti direttamente dallo chef. Dalla cucina a vista si puó ammirare un teatro vivente con la brigata che danza intorno ai fornelli e ai piatti. Lo staff é molto professionale e una menzione speciale va ad Anna, la preparatissima e piacevole sommelier che si é divertita a propormi abbinamenti di vino che altrimenti mai avrei scelto.

Ecco tutti i favolosi piatti che ho gustato:

Continua a leggere

Ricetta dei pizzoccheri: uno dei tesori piú preziosi della Valtellina

Come ho già scritto in questo post, i pizzoccheri sono uno dei piatti simbolo della tradizione culinaria della Valtellina, una meravigliosa terra racchiusa tra le Alpi ubicata nell’alta Lombardia al confine con la Svizzera. Sono tanti i prodotti tipici di questa vallata, ma i pizzoccheri sono quelli a cui personalmente sono piú legata. Ricordo con affetto le giornate passate a correre tra i prati nei monti in provincia di Sondrio quando ero bambina e la voracitá con cui spazzavo il piatto di pizzoccheri fumanti che mia nonna preparava usando il paiolo sul fuoco. O tutte le volte che torno in Italia in inverno e chiedo alla mia mamma di prepararmeli per il pranzo della domenica perché quando fa freddo non c’é niente che scaldi il cuore piú di una teglia di pizzoccheri caldi.

I pizzoccheri sono tagliatelle corte fatte di grano saraceno (da qui il tipico colore grigiastro) che secondo la ricetta tradizionale valtellinese vengono cotti e serviti con burro fuso, patate, formaggio Bitto e/o Casera e verdure di stagione. Per rendere omaggio fino in fondo alla Valtellina, consiglio di accompagnare i pizzoccheri da uno dei vini tipici della zona: Sfursat, Sassella o Inferno. Una bomba calorica che peró garantisco vi rimetterá in pace con l’universo!

Ricetta pizzoccheri alla valtellinese

Ricetta pizzoccheri alla valtellinese © Sg

pizzoccheri – ingredienti per 4 persone

Continua a leggere

9 giorni in giro per il Marocco

Il Marocco é una terra intensa, piena di vita, storie e colori. Ci sono andata con il mio ragazzo lo scorso inverno e ha rappresentato una godutissima pausa dal freddo olandese che ci stava attanagliando. Sarebbe stato bello avere a disposizione un paio di settimane per fare tutto ció che avremmo voluto; purtroppo siamo stati costretti a condensare il nostro viaggio in soli 9 giorni (meglio di niente ovviamente!). Abbiamo affitatto un’auto e ci siamo muniti di macchina fotografica, mappe e guida Routard e siamo partiti alla scoperta di questo meraviglioso paese.

Il mio viaggio in Marocco

Il mio viaggio in Marocco © Sg

Il Marocco ha un clima atlantico sulla costa, continentale nella parte montagnosa e desertico all’interno: è abbastanza mite durante l’inverno e può essere molto caldo in estate, quindi potendo scegliere le stagioni migliori per andarci sono la primavera e l’autunno (ma specifico per esperienza personale che anche in inverno la vacanza può essere molto piacevole). La lingua che parlano tutti è l’arabo, ma per questioni storiche anche il francese è molto diffuso e nelle grandi città molti parlano o capiscono l’inglese. La religione ufficiale è l’islam e, per quanto il Marocco sia un Paese relativamente moderno e moderato, è sempre bene vestire e comportarsi in modo consono per non urtare la sensibilità dei locali.

marocco – il mio diario di viaggio

L'itinerario del mio viaggio in Marocco

L’itinerario del mio viaggio in Marocco © Sg

Continua a leggere

Tartufo bianco: i 10 migliori ristoranti dove mangiarlo in Piemonte

Da qualche settimana é arrivato ufficialmente l’autunno. L’estate termina, le giornate si accorciano, il freddo comincia a farsi insistente, ma c’é un grande lato positivo associato all’autunno: si inaugura la stagione del tartufo bianco! Come ho giá spiegato qui, il tartufo bianco é un fungo che cresce sottoterra di fianco alle radici di alberi quali il tiglio, il rovere o il ciliegio e ha un profumo e un sapore molto particolari che ben si differenziano dal meno pregiato tartufo nero. Il tartufo bianco viene raccolto nella zona intorno ad Alba ed é venduto solamente nel periodo che va da settembre a dicembre.

Uno dei miei riti autunnali preferiti consiste nell’andare in Piemonte e gustarmi un pranzo o una cena a base di questo fantastico prodotto. In teoria il tartufo si abbina bene a tutto ció che é previsto nel menu, ma ci sono alcuni grandi classici piatti piemontesi che non si possono proprio perdere come l’uovo in tegamino, i tajarin e la carne cruda. Ho girato tanti ristoranti negli ultimi anni e voglio condividere con voi la lista dei miei posti preferiti!

10 migliori ristoranti dove mangiare tartufo bianco in piemonte

Tartufo bianco in uno dei migliori ristoranti in Piemonte

Tartufo bianco in uno dei migliori ristoranti in Piemonte © il mio amico Michael Potts

Continua a leggere