Il mio weekend gotico a Edimburgo

Edimburgo é una piccola bomboniera, da girare pigramente a piedi e in cui ingozzarsi di dolcetti al burro senza troppi indugi, ma dove i divertimenti sicuramente non mancano vista la movida universitaria che le scorre nelle vene. Edimburgo é una meta di svago molto piacevole per chiunque: chi cerca arte e cultura, chi vuole capire se é vero che scozzesi e inglesi non si possono soffrire, chi vuole inebriarsi di musica folk, chi vuole passare il tempo a sbaciucchiarsi appoggiati al muro del castello. Ecco una selezione delle cose che ho visto, fatto, mangiato e bevuto durante il mio weekend nella capitale della Scozia!

Suonatore di cornamusa a Edimburgo

Suonatore di cornamusa a Edimburgo © Sg

Edimburgo: cosa fare

  • Andare al cimitero di Greyfriars di mattina presto. Di fronte al cancello d’ingresso si trova la statua di Bobby, il cagnolino che ha passato 14 anni a vegliare la tomba del proprio padrone
  • Sedersi in Grassmarket e guardare la vita che scorre: storico luogo di esecuzioni ai piedi del castello, é oggi una delle arterie della cittá che brulica di pub, ristoranti e negozi
  • Perdersi nell’atmosfera gotica notturna di Edimburgo tra viette e rumori sinistri
  • Salire fino a Calton Hill per avere una delle viste migliori sulla cittá
  • Andare nei negozietti a caccia di maglioni di cachemere di ottima qualitá
Calton Hill

Calton Hill © Sg

Edimburgo: dove mangiare

La cucina tradizionale scozzese é abbastanza semplice e annovera zuppe, pudding, pesce e porridge. Il piatto nazionale piú rinomato é l’haggis: carne, avena, cipolle e spezie cucinate nello stomaco di pecora (ammetto che non ho avuto il coraggio di assaggiarlo). Ma se si é disposti a spendere un po’ di piú c’é un’interessante selezione di ristoranti che  che offre una prospettiva diversa e alquanto illuminante della cucina della Scozia.

  • Timberyard: location ‘industrial-chic’, menu per cena da 4, 6 o 8 portate molto interessante e per niente banale, erbe e fiori vengono dall’orto fuori dal ristorante e tutti gli altri prodotti vengono da piccoli produttori non lontani da Edimburgo
  • The dogs: i cani qui sono dappertutto tranne che nel menu, disegnati sulle pareti, nelle foto, di pietra che sorvegliano l’ingresso. Il The dogs propone piatti inglesi senza troppi fronzoli in un locale che mette di buon umore
  • Mums: Musica rock, caffé nero, uova e salmone. Se questo non é un modo figo di iniziare la giornata
  • The Elephant house: questo café é una delle attrazioni di Edimburgo perché pare che in questo luogo sedesse spesso JK Rowling durante la stesura dei libri di Harry Potter. Mi ero ripromessa di non andarci in quanto troppo turistico, ma non ho saputo resistere alle sedie con elefanti intarsiati nel legno
Interno del ristorante Timberyard

Interno del ristorante Timberyard © Sg

Crema con crumble di biscotti e salsa al rabarbaro al The Dogs

Crema con crumble di biscotti e salsa al rabarbaro al The Dogs © Sg

Colazione al Mums

Colazione al Mums © Sg

Sedia al The Elephant House di Edimburgo

Sedia al The Elephant House di Edimburgo © Sg

Edimburgo: dove fare serata

Mi sono ricreduta su due cose durante il tempo trascorso in questa cittá: ho scoperto che amo il whisky di qualitá – un bicchierino prima di andare a letto mi ha garantito tra le dormite migliori di sempre – e ho capito che il pub é un luogo di socializzazione incredibile che avevo totalmente sottovalutato. Al pub non ci si va solamente per farsi pinte di birra con gli amici, ma anche per leggere e rilassarsi in solitudine, giocare a carte con la mamma, ascoltare musica scozzese dal vivo e l’unica regola da rispettare é: se qualcuno nel gruppo offre un giro di drink, nessuno se ne va fino a che ognuno non ha comprato almeno un altro giro. Ecco i miei posti preferiti dove andare prima o dopo cena:

  • Jolly judge: in questo pub non c’é musica e c’é una splendida atmosfera dove é facile rilassarsi
  • Sandy’s bell: musica folk, gente che si diverte e decine di whisky tra cui scegliere…what else?
  • Under the stairs: dicono sia tra i migliori cocktail bar di Edimburgo, modaiolo ma molto intimo

EDIMBURGO: DOVE dormire

  • North Bridge Loft at 28 North Bridge: appartamenti  deliziosi a due minuti a piedi dal Royal Mile. Dotato di salottino, piccola cucina, camera e bagno. Dettagli curati e atmosfera un po’ retró. Consigliatissimo.
North Bridge Lofts at 28 North Bridge

North Bridge Lofts at 28 North Bridge © Sg

 

Un pensiero su “Il mio weekend gotico a Edimburgo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *