Andiamo a bere una birra in Belgio

Un paio di settimane fa sono venuti a trovarmi i miei genitori ed é stato bello essere coccolata da mamma a papá anche solo se per poco. Abbiamo trascorso qualche giorno in una meravigliosa e soleggiata (!) Amsterdam passeggiando e raccontandocela un po’ e poi abbiamo deciso di affittare una macchina e fare una gita in Belgio per il weekend.

anversa

Dopo aver attraversato la piatta campagna olandese, i cui prati e mulini sono ben rappresentati nei dipinti dei maestri fiamminghi, siamo entrati in Belgio e la prima tappa del nostro viaggio è stata Anversa. La città, che è stata la casa del pittore Rubens per più di 10 anni, oggi è un luogo sofisticato e amato dagli hipster, che ha una sua (seppur piccola) voce in capitolo in ambito di moda e design. Il centro è piccolo e perfetto per essere girato a piedi e ospita quella che a mio avviso è una delle cattedrali più belle del Nord Europa: Onze Lieve Vrouwekathedraal (che in olandese significa “la cattedrale di nostra Signora”). Se vi ho incuriosito, date un’occhiata a quest’altro post che ho scritto proprio su Anversa!

Piazza principale di Anversa - Belgio

Piazza principale di Anversa – Belgio © Sg

Foglie rosse di acero ad Anversa - Belgio

Foglie rosse di acero ad Anversa – Belgio © Sg

Cattedrale di Anversa - Belgio

Cattedrale di Anversa – Belgio © Sg

bruxelles

Il giorno dopo ci siamo spostati nella capitale del Belgio: Bruxelles. Città moderna, ma che conserva un bel centro storico con pianta medievale la cui gemma è la superba Grand Place, la centralissima e iconica piazza. La città in sè, specialmente da un punto di vista architettonico e di scena culturale, non mi ha particolarmente impressionato, ma l’atmosfera vivace, giovane ed energica mi ha entusiasmata. Non mi risulta difficile capire perchè è una delle capitali europee più scelte come meta di coloro che si vogliono trasferire all’ estero per un’esperienza internazionale.

Grand Place, Bruxelles - Belgio

Grand Place, Bruxelles – Belgio © Sg

Jambonneau a Bruxelles - Belgio

Jambonneau a Bruxelles – Belgio © Sg

Bruges

La terza e ultima tappa della nostra scampagnata è stata l’incantevole Bruges, una bomboniera dove mi fa sempre piacere tornare. Nel cuore delle Fiandre, questa città conserva un centro medievale intatto che è circondato dai canali ed è stato inserito nella lista dei Patrimoni dell’Umanità dell’UNESCO.

Perfetta per una gita in giornata o un (breve) romantico weekend, non mi risulta difficile tuttavia calarmi nei panni nel personaggio interpretato da Colin Farrel nella commedia noir In Bruges (film fichissimo peraltro), che è costretto a passare alcune settimane proprio a Bruges e si lamenta del fatto che sia una città noiosa e con poco movimento.
[Ray: In BRUGES? The Bahamas, maybe. Why fucking Bruges? Ken: I suppose it’s cheaper.]

Colori dell'autunno a Bruges - Belgio

Colori dell’autunno a Bruges – Belgio © Sg

Parco delle beghine, Bruges - Belgio

Parco delle beghine, Bruges – Belgio © Sg

I canali di Bruges - Belgio

I canali di Bruges – Belgio © Sg

I MIGLIORI INDIRIZZI DOVE MANGIARE in belgio

La cucina belga tipica non è cosa per vegetariani e per stomaci sensibili: tanta carne, cotture lunghe, salse burrose (e buonissime!). Baluardi della tradizione culinaria di questo Paese sono birra, cioccolato, patatine fritte, wafels e cozze.

Mete del mio prossimo giro in Belgio: Liegi e Gent!

Un pensiero su “Andiamo a bere una birra in Belgio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *